I nostri Prodotti

Moscato Passito Saracena

31,00

“Il Moscato di Saracena è un vino sopravvisuto grazie a tradizioni familiari e racconta di una storia più che centenaria della tradizione della Magna Grecia e Mediorentiale del territorio dove nasce.

La vinificazione soffice di Guarnaccia e Malvasia si accompagna e concilia con il moscato raccolto anzitempo e lasciato appassire, con premura e pazienza, per conferire quei tratti di colore, aroma e gusto che rendono questo moscato unico.

Per realizzare questo vino si adotta un procedimento antico, fatto interamente a mano, per ottenere un raffinato e delicato vino moscato da meditazione, che si accompagna ai momenti di incontro, di festa e anche di pause ristoratrici.”

Aggiungi alla Wishlist
Aggiungi alla Wishlist

L'azienda

Feudo dei San Severino

Il Feudo dei Sanseverino è un’esperienza che nasce da una grande passione per il vino con la la volontà di valorizzare una tradizione antica, erede di una cultura che ha arricchito tutta l'Europa, e da una grande fiducia nelle potenzialità di un territorio che troppo spesso ha portato sofferenza e miseria."Furono gli Enotri, stirpe che occupava le attuali regioni Basilicata e Calabria, a creare le basi della nostra enologia e i vitigni, tuttora coltivati, (come la Malvasia, il Greco e l'Aglianico,) furono importati dalle colonie greche (dall'VIII secolo a.C. in poi).In particolare è significativa, la proverbiale opulenza e la raffinatezza culinaria della società sibarita: bevevano molto i vini delle loro colline poiché ritenevano essere un ottimo antidoto contro il caldo eccessivo. Conferma Ateneo (nel suo "Deipnosophiste") che il sibarita cominciava a bere prima del tramonto e finiva dopo il sorgere del sole. I vini erano ottimi e locali e mentre ad Atene venivano tagliati con acqua di mare o altre essenze, essendo i vini calabresi abbastanza liquorosi e profumati, il procedimento prevedeva, in alcuni casi al vin cotto (cioè ridotto per bollitura) l'aggiunta di foglie di amarena, oppure uva passa."L'azienda, una piccola realtà agricola, nasce nel Comune di Saracena, un paese arroccato sulle colline dei Monti del Pollino (oggi Parco Nazionale), Le sue vigne si trovano ad un'altezza tra i 250 e i 300 metri lungo i pendii a ridosso della pianura che ospitò l'antica città di Sibari.I vitigni tutti completamente autoctoni, conservati intatti anche da un mancato sviluppo del territorio, sono il gaglioppo (chiamato dai vecchi aglianico e/o lacrima), la guarnaccia, la malvasia e il moscato.Grazie ad un lavoro agricolo ormai scomparso, di una vinificazione artigianale e rispettosa del territorio e dei vitigni si produce il moscato di saracena, il gaglioppo e il donna marianna.
Zona di produzioneParco Nazionale del Pollino, Comune di Saracena
VignetiAllevati a contospalliera con densità di ceppi per ettaro medio-basso
VitigniMalvasia, Guarnaccia, Odoraca, Moscato
ClimaInverni miti ed estati calde e asciutte
VendemmiaManuale (dalla IV di settembre alla I di Ottobre). Raccolta anticipata del Moscato e appassimento in locali controllati
VinificazionePressatura soffice. Vinificazione separata dall’uva moscato appassita. resa in vino complessivo inferiore al 50%
ColoreAmbrato, brillante
BouquetCaratteristico, intenso, fragrante di Moscato. Sentori di miele, fichi secchi e frutta esotica
SaporeDolce, aromatico, morbido, fine
Grado alcolico16% in vol.
Temperatura servizio18° C.
Bicchiere consigliatoCalice da dessert a stelo medio
Abbinamenti gastronomiciPasticceria secca, cioccolato, formaggi stagionati
ConservazioneAmbiente molto fresco (13°-15°C) e non eccessivamente umido, al riparo dalla luce
DurataE’ un vino da bersi giovane, preferibilmente
Peso1 kg
Azienda

Agricolè

Regione

Calabria

Non sono presenti recensioni.

Solo i clienti che hanno effettuato l'acquisto di questo prodotto possono lasciare una recensione.